I NO servono a crescere

Mamma e papà sanno che non si può concedere tutto al proprio figlio. A seconda dell’età del bambino, i genitori devono costruire un rapporto con lui basato di coccole, affetto ma anche regole disciplina e fermezza.
Dal punto di vista del bimbo i NO e i limiti possono essere vissuti come restrizioni e farlo arrabbiare, ma in altri momenti sono dei cancelli che proteggono facendolo sentire al sicuro.
Le ragioni per dire NO sono molteplici; perchè il bambino non corra pericoli, ma anche perchè si abitui a sviluppare le proprie risorse.
E’ troppo facile concedere sempre tutto, bisogna invece stimolare il bambino ad attingere alle proprie responsabilità per affrontare le difficoltà, per cercare soluzioni alternative e per essere creativo :).
I NO servono a crescere e diventano così un sistema educativo intenso, stimolante, aiutandolo a superare le frustazioni…a patto che siano NO ragionevoli e non dettati dalla rabbia. Inoltre devono essere coerenti, non fate l’errore comunissimo (ne so qualcosa) di dire NO al bambino all’inizio, per poi concedergli quello che vi ha chiesto perche estenuati dai loro capricci! La prossima volta, lui capisce che per ottenere qualcosa dovrà aumentare i capricci fino a sfinirvi perche tanto prima o poi cedete.
La disciplina aiuta i bambini a scoprire l’importanza di riflettere sulle cose ed offre loro la possibilità di trovare strategie per risolvere le situazioni difficili…ricordate che i bambini si adattano molto facilmente, ed in questo modo aiutiamo loro nello sviluppo e viviamo meglio noi 😉 .

Lascia un commento

*